nogeoingegneria com climate change geopolitica igloo

Un’operazione segreta di guerra elettronica durante la guerra del Vietnam, iniziata nel 1968.

Di Nogeoingegneria

L’attuale guerra in Ucraina ha sollevato la questione se avremo un nuovo Vietnam in Europa. Chi conosce veramente quella guerra finita 50 anni fa, che ha ripercussioni ancora oggi, un capitolo troppo poco compreso nelle sue dimensioni e nel suo significato per le misure belliche di oggi. La sorveglianza massiccia su larga scala, la guerra elettronica, la guerra biologica e chimica, la guerra dell’informazione, la guerra psicologica, tutto questo ha ricevuto una grande spinta in quella guerra.

La guerra del Vietnam, fu un completo fallimento tattico, fu un disastro a livello umano e ambientale, tuttavia si era dimostrata un trionfo tecnologico per il complesso industriale-militare

Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews

La “guerra del Vietnam” è stata tecnicamente una guerra?

Secondo quasi tutti i parametri, la guerra del Vietnam è stata, nel senso comune del termine, una guerra. Gli Stati Uniti impegnarono circa 550.000 militari in Vietnam all’apice del conflitto, contarono più di 58.000 morti. Tuttavia, dal punto di vista costituzionale, questo conflitto non è stato tecnicamente considerato una guerra. Ricorda qualcosa? La Costituzione degli Stati Uniti concede solo al Congresso l’autorità di emettere dichiarazioni di guerra. Dal 1941 il Congresso ha dichiarato guerra solo sei volte, tutte durante la Seconda Guerra Mondiale. Il Congresso ha autorizzato il dispiegamento di truppe in Vietnam ma, non avendo emesso una dichiarazione di guerra al Vietnam del Nord o ai Viet Cong, la guerra del Vietnam non è tecnicamente considerata una guerra negli Stati Uniti. 

La guerra del Vietnam (conosciuta anche con altri nomi) è stato un conflitto in Vietnam, Laos e Cambogia dal 1° novembre 1955 alla caduta di Saigon il 30 aprile 1975.

La guerra del Vietnam, fu un completo fallimento tattico, fu un disastro a livello umano e ambientale, tuttavia si era dimostrata un trionfo tecnologico per il complesso industriale-militare (vedi Ucraina). Le guerre sono ottimi campi di sperimentazione, come illustra la pagina Wiki. 

L’inizio fu la guerra tradizionale secondo i criteri adoperati degli USA.

Ci fu un bombardamento colossale. Tra il 1965 e il 1975, l’Aeronautica degli Stati Uniti ha sganciato oltre tre volte più bombe sulle nazioni del sud-est asiatico del Vietnam, del Laos e della Cambogia rispetto al totale delle bombe sganciate dagli Alleati durante la seconda guerra mondiale. Una quantità immane. L’Operazione Rolling Thunder, la campagna di bombardamenti dell’Aeronautica americana contro il Vietnam del Nord, rimane la più grande campagna di bombardamenti aerei della storia umana. Ecco perché ancor oggi, nonostante i continui interventi degli sminatori, ogni anno molte persone perdono la vita o le arti imbattendosi in ordigni inesplosi.

**************

GUERRE NUOVE INVISIBILI

Le nuove guerre non sono riconosciute come tali, ad esempio i nuovi strumenti utilizzati nella guerra del Vietnam sono stati rivelati solo in seguito e hanno trovato una risposta nella Convenzione di Ginevra (ENMOD).

 La guerra è la migliore occasione per utilizzare i nuovi strumenti e testarne gli effetti.

In questo teatro asiatico di guerra vediamo applicate le seguenti modalità di guerra:

Guerra chimica – biologica : Agent Orange, Napalm,

Guerra di informazione – propaganda

Guerra meteorologica – Operazione PopEye

Guerra psicologia: Durante la guerra del Vietnam (1965-1973), l’esercito americano ha subito un grave crollo del morale e della disciplina dei soldati in Vietnam, questioni che non solo sono al centro della leadership militare, ma che si sovrappongono anche alla missione della psichiatria dell’esercito. La tensione psicosociale dei soldati schierati e dei loro leader in Vietnam, soprattutto durante la seconda metà della guerra, ha prodotto un’ampia gamma di sintomi individuali e di gruppo che hanno messo a dura prova gli psichiatri dell’esercito e i colleghi della salute mentale.

Anche il monitoraggio della salute mentale dei soldati gravemente traumatizzati e mutilati è stato un ampio campo di studio nel dopoguerra.

Mentre questi esperimenti sono ormai noti, l’esperimento raccontato di seguito non ha ricevuto l’attenzione necessaria da parte del pubblico.

La guerra elettronica ha preso piede nello scenario del Vietnam. Comporta l’uso di sensori e sistemi di sorveglianza elettronica, che ora sono utilizzati in tutto il mondo e si stanno allargando rapidamente.

Guerra e sorveglianza – l’ inseminazione del Ho Chi Min trail con sensori

Nel 1966, il Segretario alla Difesa Robert McNamara incaricò un gruppo di rinomati scienziati americani di studiare le possibilità di interdizione del sentiero di Ho Chi Minh. Tra le soluzioni proposte, McNamara scelse la tecnologia dei sensori.

SISTEMI DI SENSORI A TERRA – GROUND SENSOR SYSTEM 

I sistemi di sensori terrestri non presidiati sono utilizzati per rilevare elettronicamente la presenza di persone e veicoli e per monitorarne i movimenti.
Il primo sistema tattico di sensori terrestri non presidiati è stato il sistema SEAOPS (Southeast Asia Operational Sensor). Messo in campo nel 1967, il SEAOPS forniva una “cortina elettronica” per rilevare il movimento di truppe e rifornimenti nemici nel Vietnam del Sud. Con le modifiche apportate durante il conflitto in Vietnam, il SEAOPS si è evoluto da un sistema di Fase I a un sistema di Fase III. Dopo il conflitto in Vietnam, l’Esercito e il Corpo dei Marines hanno mantenuto la Fase III del SEAOPS nella loro dottrina tattica di intelligence e di combattimento.
Nel 1972, l’esercito stabilì un programma di acquisizione di sistemi per sostituire il SEAOPS di fase III. Questo programma è stato identificato come Remotely Monitored Battlefield Sensor System (REMBASS)

VEDI QUI https://media.defense.gov/1991/Feb/26/2001714472/-1/-1/1/91-053.pdf

Il “progetto Manhattan” per una guerra High-Tech

nogeoingegneria com climate change geopolitica igloo white relay 500x336 1

DESCRIZIONE TECNICA

TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGNERIA 

In Vietnam, le forze statunitensi hanno impiegato diversi tipi di sensori terrestri automatici, il cui programma complessivo è stato chiamato Igloo White. L’idea era di:
– costruire un dispositivo di rilevamento in grado di rilevare il movimento, il suono o persino le emissioni a infrarossi (il calore dei motori dei veicoli);
– Camuffare il dispositivo in modo che sembrasse un normale pezzo di vegetazione;
– Depositare il dispositivo in un’area di attività nemica nota o sospetta;
– Monitorare il dispositivo per verificarne l’attivazione;
– Effettuare interventi di qualche tipo una volta che il sensore è stato attivato.

Tipi di sensori
In Vietnam sono stati impiegati diversi tipi di sensori terrestri in assenza di comando. I sensori possono essere suddivisi in categorie a seconda del metodo di rilevamento e della costruzione.

Metodi di rilevamento
Sismici: questi sensori contenevano rilevatori sismici. Rilevavano cioè i movimenti del terreno – simili a quelli dei terremoti – come il passaggio di veicoli o i passi. I dispositivi sismici richiedevano l’inserimento di un piccolo spuntone nel terreno; questo spuntone conteneva l’elemento di rilevamento. Se il terreno si muoveva, l’elemento di rilevamento si muoveva e attivava un trasmettitore radio che trasmetteva un segnale acustico, avvisando il monitor del fatto che qualcosa si stava muovendo vicino alla posizione del sensore.
Acustici: I sensori acustici sono simili alle boe sonore: contengono uno o più microfoni sensibili collegati a un trasmettitore e trasmettono i suoni captati.
Infrarossi. Questi sensori sono sensibili alle variazioni di temperatura ambientale. Se un corpo caldo (uomo, motore di un camion, bufalo d’acqua, tigre) si avvicina al sensore, questo percepisce l’aumento della temperatura dell’aria e fa emettere un segnale acustico a un trasmettitore radio interno.

Costruzione
I sensori erano di varie dimensioni e forme.
Baccelli di sensori: Questi dispositivi erano piuttosto grandi. Se ricordo bene, avevano un diametro di 6-8 pollici, una lunghezza di 3 o 4 piedi e contenevano uno o più microfoni o altri dispositivi di rilevamento, un trasmettitore radio, una batteria e un’antenna.
Il dispositivo era contenuto in un contenitore metallico, dipinto con vernice mimetica. L’antenna era costruita in modo da sembrare un piccolo alberello o una pianta della giungla.

I pod contenevano sensori acustici (microfoni) e sensori sismici. La durata d’uso era la durata della batteria.
Il contenitore aveva un’estremità appuntita, veniva lasciato cadere da un aereo e si sarebbe (si sperava) conficcato nel terreno, lasciando esposto il microfono e seppellendo il rilevatore sismico. Il trasmettitore trasmetteva i suoni o le vibrazioni del terreno captati agli aerei o ad altre stazioni di monitoraggio.
L’idea era di lasciarne cadere parecchi lungo una strada o un sentiero – sperando che l’aereo che li aveva lanciati riuscisse a farli arrivare – e poi monitorarne l’emissione. Quando si sentivano suoni come quelli dei motori dei camion o si rilevava una forte attività sismica, si potevano lanciare attacchi di artiglieria o aerei sulla zona.

Sensori a dispersione:
Si trattava di piccoli dispositivi, per lo più sismici.
Erano costituiti da un rilevatore sismico, un trasmettitore, un’antenna interna e una batteria in una custodia di vetroresina o plastica fatta in modo da sembrare un ramo spezzato, una grossa foglia o un altro pezzo di rifiuti forestali. Un tipo di sensore è stato progettato per assomigliare a – non sto scherzando – escrementi di animali. (La maggior parte di questi oggetti erano rivelatori di intrusione sismica – SID. Questi ultimi tipi furono subito chiamati “TURDSID” dai ragazzi che li usavano).
Di solito venivano consegnati per via aerea e bastava scaricarne una partita lungo un sentiero, una strada o in una zona sospetta di campo base.
Poiché erano piccoli, le batterie erano piccole e i trasmettitori erano piccoli. La durata delle batterie non era lunga: pochi giorni.

Sensori con equipaggio:
Come osservatore avanzato di artiglieria, ho operato con unità di fanteria. Un’unità aveva alcuni sensori di prova che venivano utilizzati per la sicurezza del perimetro. Il sensore consisteva in una piccola scatola contenente una batteria, un trasmettitore e un’antenna. Ad esso erano attaccati diversi (quattro, credo) fili lunghi, ciascuno con un picchetto sismico all’estremità. Il picchetto aveva le dimensioni di un chiodo da tenda. C’era anche un ricevitore, sintonizzato sulla frequenza del trasmettitore. L’idea era che la scatola dei sensori venisse collocata, ad esempio, lungo un sentiero che portava a un luogo di imboscata e che i picchetti venissero conficcati nel terreno. Ogni punta trasmetteva un segnale acustico diverso. Quando qualcosa scendeva lungo il sentiero, avrebbe attivato i sensori sismici, un segnale acustico distintivo sarebbe stato trasmesso al ricevitore e le persone nell’imboscata avrebbero saputo dove si trovava il movimento.

Le squadre SOG venivano utilizzate per inserire i sensori nelle missioni “oltre la recinzione”. L’oggetto in foto è datato 1972 ed è un’unità REMBASS, quindi credo sia del dopoguerra, ma potrebbe essere stato usato anche prima. Se qualcuno possiede unità di sensori datate o ulteriori informazioni è pregato di contattarmi. paul@howsplendid.com

FONTE http://www.modernforces.com/fieldgear_sensor.htm

CONCLUSIONE 

A caro prezzo la guerra del Vietnam segnò uno spartiacque nell’architettura informatica globale di Washington. Trasformando la sconfitta in innovazione l’Aviazione aveva sviluppato le componenti chiave – comunicazioni satellitari, sensori a distanza, bombardamenti attivati da computer e velivoli senza equipaggio – che si sarebbero fuse cinquant’anni dopo in un nuovo sistema di guerra robotica… 

OPERAZIONE ‘IGLOO WHITE’: GADGET DI SORVEGLIANZA AD ALTA TECNOLOGIA NELLA GUERRA DEL VIETNAM

50 anni dopo

SMART DUST IN ARRIVO: I SENSORI CHE TRACCIANO TUTTO, OVUNQUE

L’ULTIMA INTERVISTA DI ASSANGE NEL 2018: LA POLVERE INTELLIGENTE DEL MALE È OVUNQUE E IN OGNI COSA

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

 

THE FIRST E-COMMERCE SPECIALIZED ON TRUFFLES AND TRUFFLE PRODUCTS – TRUFFLEAT.IT

 

TrufflEat Olio Evo 300x207 1

Leave a Reply