televisione-russa:-l’occidente-e-gia-in-guerra-con-la-russia-|-nogeoingegneria

nogeoingegneria com climate change geopolitica nato vs russland

Di Thomas Röper 

Ora è stato chiaramente affermato dalla televisione russa: l’Occidente sta conducendo una guerra contro la Russia in Ucraina. Non è necessario trovarsi d’accordo, ma si dovrebbe tenere conto del fatto che la Russia ora la vede in questo modo, con le possibili conseguenze.

Solo pochi giorni fa ho spiegato che almeno gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono già in guerra con la Russia e il perché. Ma ovviamente non sono solo io a vederla così, perché questo è stato detto apertamente e chiaramente anche dalla televisione russa, che si è spinta oltre e ha parlato di una guerra dell’intero Occidente contro la Russia.

Il sostegno di Stati Uniti e Gran Bretagna all’Ucraina ha già tutte le caratteristiche di una guerra aperta contro la Russia, perché i due Stati non solo forniscono armi e addestrano soldati, il che secondo il Servizio scientifico del Bundestag costituisce già una partecipazione alla guerra dal punto di vista del diritto internazionale, bensì forniscono anche dati di ricognizione operativa e aiutano nella pianificazione operativa e nella preparazione delle battaglie.

Dopo gli ultimi eventi e il fatto – nascosto dai media occidentali – che l’Ucraina sta già bombardando quotidianamente il territorio russo, ci si aspetta che la Russia “cambi marcia” militarmente e abbandoni alcuni dei suoi precedenti contenimenti. La Russia non ha assolutamente dispiegato tutti i tipi di armi che potrebbe utilizzare e finora si è astenuta dal bombardare obiettivi come le forniture di energia elettrica e altri elementi che danno all’esercito ucraino vantaggi militari.

Nella rassegna settimanale di notizie della televisione russa di domenica, è stato trasmesso un commento che può essere inteso solo come un avvertimento diretto agli Stati Uniti, perché è risaputo che certe dichiarazioni trasmesse in televisione sono rivolte direttamente al nemico, che naturalmente segue con attenzione le relative trasmissioni. Poiché il commento parla da sé, l’ho tradotto e veniamo alla traduzione senza ulteriori premesse.

Inizio della traduzione:

Gli americani alzano la posta in gioco nella guerra contro la Russia.

È evidente che la situazione in Ucraina è cambiata radicalmente dalla fine di febbraio. L’Occidente si è “impegnato” con il regime di Kiev. Non c’era nulla di simile durante la guerra russo-georgiana del 2008. Non c’è stato nulla di simile durante la riunificazione della Crimea con la Russia. Ora è diverso. Abbiamo lanciato un’operazione militare. In cambio, l’Occidente sta conducendo una guerra in Ucraina. Che tipo di guerra? Molto semplice. Qui, un canale televisivo francese cita la nostra trasmissione e in calce riporta il titolo: “Guerra contro la Russia”.

In tutte le altre lingue dei Paesi ostili è la stessa cosa, senza eccezioni: guerra contro la Russia.

Operazione militare significa che fin dall’inizio abbiamo imposto auto-limitazioni volontarie su dove sparare e dove non sparare, su quali armi usare e quali no. Abbiamo auto-limitazioni sul campo d’azione, sulla tipologia, sulla velocità, sul trattamento dei prigionieri, sugli aiuti umanitari e sulla veridicità delle informazioni.

La guerra, invece, è quando si agisce con tutte le forze e senza inibizioni. Sì, l’Occidente – la NATO – sta conducendo una guerra contro la Russia in Ucraina in questo momento, aumentando letteralmente tutti gli ingredienti: Finanziamenti, forniture di armi e munizioni, addestramento dei soldati, livello di brutalità, audacia nella pianificazione e nella conduzione delle operazioni sul campo di battaglia e operazioni informative-psicologiche. Allo stesso tempo, l’esercito ucraino, insieme alla difesa territoriale, è stato aumentato a 700.000 uomini. Sì, non tutti hanno ancora le qualifiche necessarie. Ma nell’esercito ucraino ci sono migliaia di mercenari stranieri – addestratori e ufficiali di ricognizione.

Anche la formazione si svolge come una catena di montaggio. La Gran Bretagna ha già addestrato 5.000 combattenti ucraini. Gli istruttori dei centri di formazione britannici provengono da diversi paesi: dal loro paese, ovviamente, ma anche da Canada, Danimarca, Svezia, Finlandia e persino Nuova Zelanda. Questo è quanto si sa.

In Germania, gli americani hanno creato centri di addestramento per le forze armate ucraine nelle loro basi. Addestrano gli specialisti a utilizzare le attrezzature occidentali fornite a Kiev, dai carri armati agli obici, dai droni ai radar. In Polonia, stanno addestrando le truppe di terra. Negli Stati Uniti vengono addestrati piloti militari e tecnici aeronautici ucraini. Ciò significa che stanno pianificando la fornitura di aerei da combattimento a Kiev.

Nella guerra contro la Russia, che parte dall’Ucraina, gli americani alzano costantemente la posta in gioco. Giovedì, ad esempio, la Casa Bianca ha annunciato, tramite John Kirby, l’imminente trasferimento di “sistemi missilistici avanzati” a Kiev. Il sistema non è ancora stato nominato, ma sia gli esperti americani che quelli nostrani sono unanimi nel parlare di ATACMS. La gittata di questi missili è di 300 chilometri. Vengono sparati dai lanciarazzi multipli HIMARS di fabbricazione statunitense. I sistemi HIMARS sono in funzione in Ucraina da molto tempo. Finora sono state utilizzate solo munizioni con una gittata più breve. 300 chilometri è la distanza da Odessa a Sebastopoli.

Maria Zakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo, ha già messo in guardia dalla consegna di missili di questa portata all’Ucraina:

“Se Washington decide di fornire a Kiev missili a più lunga gittata, supera una linea rossa e rende gli Stati Uniti parte diretta del conflitto. Ci riserviamo il diritto di difendere il nostro territorio con tutti i mezzi disponibili”.

Speriamo che vengano ascoltati lì. Finora non vogliono sentir parlare di “linee rosse”. Per quanto riguarda la “difesa del nostro territorio”, l’esercito ucraino ha bombardato la Russia ogni giorno questa settimana. I residenti delle zone di confine vicino a Belgorod hanno avuto un periodo particolarmente difficile. Lunedì, un cittadino ucraino nato nel 1942 è stato ucciso e altri quattro sono rimasti feriti quando il nostro villaggio di Logachivka è stato bombardato. Lo stesso giorno è stato attivato un sistema di difesa aerea sulla regione di Belgorod. Martedì, i villaggi di Shelayevo e Zhuravlevka sono stati oggetto di fuoco. Ci sono state due vittime. Mercoledì è stato colpito il villaggio di Krasny Hutor. Quattordici case sono state distrutte. Il giorno successivo, l’esercito ucraino ha bombardato il terminal doganale vicino al villaggio di Nekhoteyevka. È scoppiato un grande incendio. Venerdì scorso l’Ucraina ha lanciato un attacco missilistico contro la nostra città di Valuiki. Una persona è stata uccisa, altre due sono rimaste ferite. Ci sono stati incendi in otto case private, la fornitura di elettricità in città è stata interrotta. Mercoledì le forze ucraine hanno attaccato le posizioni militari russe nella regione di Kursk, vicino al villaggio di Yelizavetovka. Il fuoco di rappresaglia ha distrutto le posizioni nemiche.

Anche la Crimea è sotto attacco. Giovedì le difese aeree hanno operato nei cieli sopra Yevpatoriya. In Internet c’erano molte immagini al riguardo. In precedenza, i nostri sistemi di difesa aerea hanno già respinto attacchi in Crimea, il 5 settembre a Yevpatoriya e il 30 agosto, quando un drone ucraino è stato abbattuto sopra Sebastopoli.

E ora attenzione! Domanda: Cosa succederà se l’esercito ucraino doterà i suoi HIMARS di missili ATACMS con una gittata di 300 chilometri? Dopotutto, a differenza nostra, Kiev non ha restrizioni interne. Così come non ci sono praticamente restrizioni finanziarie e sulle armi per l’Occidente quando si tratta di forniture all’Ucraina.

Date un’occhiata a questo: Solo nei primi sei mesi di quest’anno sono stati stanziati oltre 84 miliardi di euro per Kiev. Questi sono i dati dell’Istituto di Kiel per l’economia mondiale. Miliardi di euro per aiuti militari, aiuti umanitari, aiuti finanziari. I principali donatori sono Stati Uniti, Europa, Gran Bretagna, Germania e Canada. Ad agosto, il numero dei Paesi donatori dell’Ucraina era salito a 41.

nogeoingegneria com climate change geopolitica bild 2022 09 19 051855835 1

E ora le armi fornite all’Ucraina. È il portale ufficiale del governo degli Stati Uniti. L’elenco è lungo. Ne citiamo solo una parte: quasi 1.500 sistemi antiaerei Stinger, più di 8.500 sistemi anticarro Javelin, più di 32.000 altri sistemi anticarro. A questo si aggiungono obici, elicotteri, centinaia di veicoli blindati… Sì, e tutta la ricognizione spaziale statunitense sta già lavorando per l’Ucraina.

nogeoingegneria com climate change geopolitica bild 2022 09 19 052014997

REGNO UNITO: Anche in questo caso si tratta di dati dell’Istituto di Kiel per l’economia mondiale, che tiene conto anche delle consegne militari. 120 veicoli blindati “Mastiff”, lanciarazzi multipli M270, 5.000 visori notturni, mezzi per la guerra elettronica, radar, dispositivi di soppressione GPS.

Polonia: 240 carri armati T-72, carri armati Twardy, obici semoventi, cannoni antiaerei e droni.

Germania: artiglieria semovente, contraerea, semovente Gepard. Lanciarazzi multipli Mars II, lanciagranate. E molto altro ancora dalla Germania.

Canada, Estonia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Danimarca, Australia, Svezia, Francia, Slovacchia, Lettonia: tutti forniscono qualcosa. Anche la Grecia: 122 sistemi di fuoco a salve RM-70 di produzione ceca, 20.000 fucili automatici Kalashnikov, “Stingers”, bazooka, milioni di cartucce di vario calibro. Anche Spagna, Portogallo, Lussemburgo, Belgio e Croazia forniscono armi all’Ucraina. L’Austria promette carburante e attrezzature di protezione. La Bulgaria promette gilet antiproiettile e medicinali, così come la Romania e l’Irlanda.

nogeoingegneria com climate change geopolitica bild 2022 09 19 052316776

Naturalmente non abbiamo elencato tutto, ma siamo chiari: la quota di equipaggiamento NATO nell’esercito ucraino è in crescita. Ora costituisce quasi la metà dell’arsenale ucraino in varie posizioni. Se si considerano anche i nuovi missili e aerei, e ciò che sta per arrivare, è necessario rispondere alla domanda: Perché, cosa vogliono? Sono dispiaciuti per l’Ucraina? No. Non è motivo di pietà per l’Ucraina. È una guerra contro la Russia. E nessuno lo nasconde più. Ma cosa vogliono?

Il più loquace ultimamente è il generale americano a tre stelle in pensione Ben Hodges. È stato comandante principale delle forze americane in Europa. Ma anche dopo il suo ritiro, Ben Hodges è ancora attivo. È direttore della ricerca strategica presso il Pershing Center for European Policy Analysis di Washington. Non dovendo più attenersi alle dichiarazioni ufficiali, il generale informa il pubblico sugli obiettivi della guerra che gli Stati Uniti stanno conducendo contro la Russia. L’obiettivo è niente meno che lo smembramento del nostro Paese, la sua disintegrazione. Per l’Occidente, questo è un sogno. È su questo che stanno “scommettendo”. Ha detto Hodges:

“Non so se molti sono d’accordo con me, ma credo che stiamo assistendo all’inizio della fine della Federazione Russa nella sua forma attuale. Credo che il potenziale di disintegrazione dello Stato si stia intensificando. Dobbiamo quindi chiederci: siamo preparati a questo? Siamo pronti per il crollo della Federazione Russa? Perché non eravamo preparati al crollo dell’Unione Sovietica. Quindi la domanda è: siamo pronti per un collasso almeno parziale della Federazione Russa?”.

Ben Hodges dice che bisogna prepararsi al crollo della Russia. Omette di dire che sono gli Stati Uniti e i loro alleati a preparare il crollo della Russia. E nell’esortarli a farlo, dice che bisogna essere preparati. E poi il generale passa volentieri a questioni di natura pratica:

“È nel nostro interesse, in caso di collasso o, diciamo, di balcanizzazione della Russia, pensare a cosa accadrà alle sue armi nucleari, alle sue infrastrutture energetiche, ai suoi rifugiati, ai suoi trilioni di dollari in conti bancari e immobili in tutto il mondo. Cosa fare con tutto questo? Inoltre, la Russia è rappresentata in quasi tutte le organizzazioni internazionali. Quindi c’è molto da considerare. Nel complesso, questi problemi devono essere risolti”.

Nel frattempo, gli americani stanno lavorando a qualcos’altro. Stanno espandendo metodicamente la portata delle ostilità nella guerra contro la Russia e forniscono armi sempre più potenti. Il generale Ben Hodges spiega il motivo in tutta franchezza, senza temere di chiamare le cose con il loro nome:

“Da Odessa a Sebastopoli ci sono 300 chilometri. Se l’Ucraina avesse ora gli ATACMS, sarebbe già in procinto di distruggere le strutture navali russe a Sebastopoli. A un certo punto, gli ucraini si spingeranno più a est, oltre Kherson, e otterranno armi con una gittata diversa con cui colpire le basi in Crimea”.

In altre parole, innanzitutto questo e poi l’obiettivo generale: la disgregazione della Russia. Hanno persino coniato il termine “decolonizzazione” dei popoli della Russia. Anche se né la Siberia, né l’Estremo Oriente, né altre parti della Russia sono mai state nostre colonie. Giudicano in vista di se stessi. Abbiamo costruito il nostro Paese in modo diverso, come un’unione di popoli senza ombra di razzismo. I russi non possono permettersi il razzismo. Altrimenti questa Russia non esisterebbe. (Nota del traduttore: il fatto che gli Stati Uniti stiano pianificando di smembrare la Russia con il termine “decolonizzazione” non è una montatura o propaganda russa. Questo viene detto apertamente a Washington. Ne ho dato notizia qui con tutti i link alle fonti originali).

E comunque si voglia chiamare ciò che sta accadendo in Ucraina, l’esito della battaglia è una questione di vita o di morte. E quali parole si possono usare per trasmettere questa realtà? Il Cremlino è a conoscenza degli obiettivi fissati dall’Occidente. È proprio di questo che il Presidente Putin ha parlato ai giornalisti a Samarcanda venerdì scorso:

“Per decenni i Paesi occidentali hanno costantemente coltivato l’idea del crollo sia dell’Unione Sovietica che della Russia storica e della Russia nel suo complesso, il suo nucleo centrale. Ho già citato tali affermazioni e le citazioni di alcune personalità britanniche durante la Prima guerra mondiale e in seguito. E gli studi del signor Brzezinski, nei quali addirittura suddivide l’intero territorio del nostro Paese in parti concrete… State aspettando invano, possono portare a termine i loro compiti come meglio credono, ma il modo in cui li portano a termine molto probabilmente danneggerà di più loro, questi sono mezzi inaccettabili. Tuttavia, è certo che hanno sempre cercato di distruggere il nostro Paese. L’unica cosa triste è che a un certo punto hanno avuto l’idea di usare l’Ucraina per raggiungere questi obiettivi. È per evitare questo sviluppo che abbiamo lanciato l’operazione militare. È esattamente quello che alcuni Paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno cercato di fare e stanno ancora cercando di fare: creare questa enclave anti-russa e da lì scuotere e minacciare la Russia. Il nostro obiettivo più importante è proprio questo: prevenire questi sviluppi”.

Fine della traduzione

FONTE https://www.anti-spiegel.ru/2022/russisches-fernsehen-der-westen-fuehrt-bereits-krieg-gegen-russland/

DATI DELL ‘ISTITUTO DI KIEL

Informazioni sul tracker di supporto per l’Ucraina

L’Ukraine Support Tracker traccia e quantifica l’assistenza militare, finanziaria e umanitaria promessa all’Ucraina dal 24 gennaio 2022. Copre 40 Paesi, in particolare gli Stati membri dell’UE, gli altri membri del G7, l’Australia, la Corea del Sud, la Turchia, la Norvegia, la Nuova Zelanda, la Svizzera, la Turchia, la Cina, Taiwan e l’India. Gli impegni di aiuto della Commissione europea e della Banca europea per gli investimenti sono inclusi separatamente. Sono incluse le promesse fatte da questi governi o istituzioni al governo ucraino; le donazioni private o quelle di organizzazioni internazionali come il FMI non sono incluse nel database principale. Non comprende nemmeno gli aiuti ai Paesi confinanti con l’Ucraina, come la Moldavia o altri Paesi, ad esempio per l’accoglienza dei rifugiati.

Le fonti dei dati sono gli annunci delle agenzie governative ufficiali e i rapporti dei media internazionali. Gli aiuti in natura, come forniture mediche, cibo o attrezzature militari, sono stimati sulla base dei prezzi di mercato o di informazioni provenienti da precedenti campagne di aiuto. In caso di dubbio, si utilizzano i valori più alti disponibili.

https://www.ifw-kiel.de/de/themendossiers/krieg-gegen-die-ukraine/ukraine-support-tracker/

TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGNERIA – CANALE TELEGRAM https://t.me/Nogeoingegneria

 Thomas Röper (* 26 novembre 1971 a Brema è un autore tedesco di saggistica e blogger che vive a San Pietroburgo. È ovviamente considerato su Wikipedia un divulgatore “fedele al Cremlino” di disinformazione, come affermazioni false e fake news, ideologie cospirative e propaganda del governo russo. Dal 2018 gestisce il blog Anti-Spiegel.

La terza guerra mondiale potrebbe essere già iniziata

Nelle prime fasi della Prima e della Seconda guerra mondiale, probabilmente la gente non sapeva che quelle guerre erano iniziate. Una serie di eventi iniziarono a manifestarsi e alla fine ci si rese conto che si trattava di eventi irreversibili. Le cose presero vita propria e il mondo era in guerra. Nel marzo del 2020, quando il mondo decise di seguire il piano per il disastro e iniziò a imporre mascherine, lockdown (sì, è un termine carcerario) e un anno dopo le iniezioni di terapia genica Covid, molti forse non si resero conto che questo era l’inizio della Terza Guerra Mondiale. Purtroppo, sembra che sia così.

VEDI https://josephsansone.substack.com/p/world-war-iii-has-already-begun

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

 

THE FIRST E-COMMERCE SPECIALIZED ON TRUFFLES AND TRUFFLE PRODUCTS – TRUFFLEAT.IT

 

TrufflEat Olio Evo 300x207 1

Leave a Reply