26/06/2022

THAILAND DAILY

NEWSPAPER / MAGAZINE / PUBLISHER

la-guerra-e-il-credito-sociale-di-gaia.-la-nostra-schiavitu-inizia-a-bologna?

LA GUERRA E IL CREDITO SOCIALE DI GAIA. LA NOSTRA SCHIAVITÙ INIZIA A BOLOGNA?

Il mese scorso i giornali hanno riportato la notizia che è in partenza a Bologna un sistema elettronico che assegna punteggi ai cittadini. Si chiama Smart Citizen Wallet, cioè il «portafoglio del cittadino virtuoso».

Si tratta della più tangibile ed estroversa manifestazione dell’introduzione di piattaforme di controllo sociale a livello cittadino.

A lanciarlo, l’assessore grillino all’Agenda digitale del comune retto dall’asse M5S-PD, Massimo Bugani.

Si tratta semplicemente di una sistema che analizza il comportamento del cittadino e, in caso egli si dimostri «virtuoso», lo premia.

«Il cittadino – è stato spiegato  – avrà un riconoscimento se differenzia i rifiuti, se usa i mezzi pubblici, se gestisce bene l’energia, se non prende sanzioni dalla municipale, se risulta attivo con la Card cultura». (Non capiamo cosa significhi quest’ultima cosa: si sarà obbligati a vedere la Corazzata Potemkin al cineclub?)

Non solo: i cittadini virtuosi ad un certo punteggio potranno poi «spendere» i punti in premi ancora da decidere, ma già buttati lì alla presentazione: «Scontistiche Tper, Hera, attività culturali e così via»

Alcune testate la hanno definita «card sociale», talaltre, sempre in vena di eufemismi, «patente digitale».

Alcune tuttavia hanno usato proprio l’espressione «credito sociale», quella con cui definiamo il sistema attivo in Cina. La cosa pazzesca è che certi articoli, che chiamavano la cosa proprio con i termini del totalitarismo digitale pechinese, non lo scrivevano in senso spregiativo.

La realtà è che sappiamo esattamente di cosa si tratta. È l’ennesima declinazione della tendenza del potere odierno al Control Grid, cioè alle piattaforme di controllo sociale.

Bisogna capire che ogni piattaforma attualmente non è fatta per premiarti, è fatta per controllarti. Vale anche per i database dinamici dei comuni ciò che vale per i social media: se è gratis, il prodotto sei tu.

Qui siamo oltre: se ti premiano, il prodotto non solo se tu, è la modifica del tuo comportamento secondo la loro volontà. O ancora più a fondo: ciò che premiano, soprattutto, è la tua disponibilità a dare loro i tuoi dati, cioè a sottometterti. Premiano la tua schiavitù.

Non si tratta di un fenomeno nuovo. Su Renovatio 21 abbiamo parlato molte volte di questo sistema di controllo dell’esistenza dei cittadini che si sta caricando in Europa (al punto da superare, in termini di pervasività, il modello cinese).

Si tratta, come abbiamo illustrato varie volte, di un cambio di paradigma: il cittadino diviene utente.

Lo Stato diviene piattaforma.

La cittadinanza è digitalizzata: cioè resa cibernetica, cioè, nell’etimo, resa controllabile, direzionabile.

Lo abbiamo ripetuto varie volte: il green pass è la prova generale, e più ancora è la stessa architettura, generata nei meandri di Bruxelles prima della pandemia, nella quale faranno girare l’euro digitale, che la BCE stessa dichiara ora inevitabile.

Il green pass è esattamente una piattaforma premiale: ti sei vaccinato? Bravo! Allora puoi entrare al bar, in biblioteca, in ospedale… Il green pass non solo premia il cittadino: lo controlla. Sa se ha o meno eseguito  ciò che gli è stato ordinato. Conosce dettagli dello suo stato fisico, se vogliamo dirlo, perfino a livello biomolecolare. Se l’organismo del cittadino è stato iniettato con mRNA sintetico, ora te lo dice il database del green pass, e ti dice anche quando, e quante volte.

Bisogna andare oltre, e capire che stanno mettendo davvero la carota: a Bologna, parlano di premi e sconti. Con la piattaforma informatica delleuro digitale – lanciata dal green pass – è molto probabile che ci faranno avere dei soldi. Così, aggratis, ex nihilo. Danaro fiat, creato demiurgicamente dalla BCE in maniera totalmente elettronica, con un whatever it takes digitale che non costa nemmeno il prezzo della carta.

Si andrà, con probabilità, ancora più in là. Vi potrebbero dire che vi passeranno un bel reddito di cittadinanza, ovviamente fatto di euro digitali, cioè di danaro programmabile. Non solo sapranno come lo spendete, ma imposteranno loro cosa potrete comprare, e cosa no.

Il sistema del premio al cittadino virtuoso è stato accettato dal plebiscito del green pass. La pandemia, usiamo dire, è stato un grande referendum per vedere fino a che punto l’umanità poteva accettare la distruzione della sovranità, perfino quella biologica personale.

Le costanti demonizzazioni dei no-vax (prima dei vaccini c’erano i jogger, quelli della movida, quelli smascherati; dopo i vaccini ci sono i russi e i filo-russi) sono servite esattamente a questo: a creare nella mente della popolazione l’idea di una società divisa in base alla virtù – ovvero, segmentata secondo la sottomissione di ciascuno ai diktat verticali del potere, perfino i più disumani (non uscire di casa, non abbracciare più chi ami, separarsi dai figli, iniettarsi un siero genico sperimentale forse nocivo più e più volte).

Tecnicamente, si tratta, come in tutto il Reset pandemico, di un processo di liquidazione della democrazia costituzionale – in tutto il mondo.

Negli USA capisaldi del Bill of Rights un tempo ritenuti sacri ed inviolabili, come la libertà di espressione, il diritto di essere giudicato da una giuria di pari (non puoi denunciare le farmaceutiche), il diritto alla libertà religiosa (le chiese chiuse) e via dicendo sono stati disintegrati.

In Germania, l’articolo 1 della Costituzione, che meravigliosamente dichiara il primato della dignità umana («La dignità umana è inviolabile. Rispettarla e proteggerla è dovere di ogni autorità statale») è stato affogato dagli obblighi, lockdown e botte della polizia alla popolazione inerme che osa protestare.

In Italia abbiamo visto che la liquidazione della Costituzione ha toccato vari articoli, partendo (sindacati e padroni d’accordo) dal primo: la base della Repubblica, il lavoro, è stata detronizzata dalla necessità di esclusione dei non sottomessi via vaccino. E poi, la libertà di cura (art. 32) , la libertà di manifestazione del pensiero (art. 21), la libertà di libera circolazione nel territorio nazionale (art. 16) … la lista è lunga.

Nel caso delle piattaforme che stanno invadendoci, pare chiaro che qui ad essere disinstallato è l’articolo 3 della Costituzione:

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali».

La «pari dignità sociale» è l’esatto contrario di un sistema programmato per premiare una parte della popolazione (che gode quindi di una positiva «distinzione di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali») e condannare invece un’altra.

Si tratta della polarizzazione della società di cui abbiamo più volte scritto: la ricetta più pura per la guerra civile, verso la quale non si può dire che vogliano spingerci, perché la loro idea, come ribadiamo, è che il segmento dissidente (cioè, «non virtuoso»), già calcolato nei suoi numeri, sarà semplicemente sacrificato, cancellato, sterminato.

Non si tratta, di fatto, di una minoranza, perché non ne ha i diritti.

E nessuo, né le autorità nei media, vuole parlarci più. Lo sapete.

Lo stiamo vedendo anche con la guerra ucraina: si rivolgono oramai solo alla massa vaccina, al popolo bovino che non fa domande ed è docile al punto da farsi portare al macello, come di fatto sta succedendo ora tra mRNA, fine del gascarestia di cibo minaccia atomica.

Le «carte» costituzionali vengono quindi frantumate perché il  paradigma prevede l’inversione per cui il cittadino non è più latore di diritti (certificati dalle Costituzioni), ma portatore di comportamenti che devono essere compatibili alle norme cangianti dettate volta in volta dal potere, e talvolta nemmeno conoscibili pubblicamente (pensate agli «Standard della Comunità» di Facebook o YouTube: vi hanno magari bannato perché anche solo ipotizzavate l’origine laboratoriale del COVID).

Lo shift è ancora più profondo: non è lo Stato ad essere creato dalla cittadinanza. È la cittadinanza ad essere permessa dallo Stato. Voi non avete diritti inalienabili. Voi siete utenti: al massimo disponete di un accesso, che è revocabile. Il potere ultimo non risiede nel popolo, ma nell’istituzione che, ci dicono, lo contiene. Lo Stato – cioè, ora, la piattaforma.

A questo punto capite quale ruolo fondamentale hanno svolto i social nella preparazione della nuova era.

Rammentiamolo: l’evo del controllo totale era stato largamente anticipato, o meglio, invocato, sin dalla matrice culturale profonda del maggior partito rappresentato attualmente in Parlamento. L’assessore Bugani del M5s è una delle colonne storiche, sta nel gruppo consiliare a Bologna dal 2011, è stato vice caposegreteria del ministro Giggino di Maio. Era socio di Rousseau – sì, un’altra piattaforma… – di cui Il Foglio scrive che rappresentava la «terza gamba» della creatura di Casaleggio.

Proprio a Gianroberto Casaleggio, che è l’origine culturale vera del M5S, bisogna ritornare per comprendere a fondo questo momento.

Un vecchio, controverso video della Casaleggio Associati (che in una nota prende le distanze dai suoi contenuti), raccontava di una guerra apocalittica a cui sarebbe seguita, evviva, una società interamente digitalizzata, dove chi non ha accesso all’unica piattaforma elettronica pubblico-privata – distinzioni divenute prive di senso – semplicemente «non esiste».

Il conflitto mondiale, con catastrofi fine-di-mondo che riportano la popolazione terrestre all’ecologica cifra di un miliardo di individui, come prodromo di una bella piattaforma. Il software totalizzante di «un Nuovo Ordine Mondiale» (sic), che parte il 14 agosto 2054 (per inciso: l’esatto centenario del Gianroberto).

Questa definitiva piattaforma elettronica di «governo mondiale» si chiamerà Gaia. «In Gaia, partiti, politiche, ideologie, religioni spariscono».

Il video, che impressionò tanti all’epoca, si chiamava Gaia – The Future of Politics. Gaia, la dea pagana della Terra, l’eco-demone degno di devozione ed idolatria.

La piattaforma «virtuosa» di Bologna pare che partirà dopo l’estate. L’assessore Bugani, riferiscono i giornali, in realtà l’aveva già fatta partire a Roma, dove era nello staff di Virginia Raggi, e dove tuttora sarebbe attiva a livello sperimentale.

Vogliamo ricordare che esiste un Paese dove un simile wallet per cittadini virtuosi, munito pure di accesso bancario e facoltà di prenotare servizi pubblici, era stato lanciato in pompa magna pochissimo tempo fa: l’Ucraina.

Come riportato da Renovatio 21, una delle ultime cose che Zelens’kyj ha fatto prima della guerra, è stato lanciare un sistema di identificazione digitale gestito dallo Stato ucraino.

La app governativa, chiamata Diia, combina carta d’identità, passaporto, licenza, libretto delle vaccinazioni, registrazioni, assicurazione, rimborsi sanitari e prestazioni sociali.

Non solo: sulla app era possibile ricevere danaro come premio diretto del proprio comportamento virtuoso, cioè di sottomissione agli ordini dei vertici: 1.000 grivna, cioè circa 30 euro, per una «vaccinazione completa».

Capite bene come nell’ora presente ci tornino in mente gli elementi dell’antico video di Casaleggio: guerra totale, piattaforma elettronica.

E non siamo nemmeno alla fine. La vera battaglia per noi si sta svolgendo sottoterra, ed è l’implementazione dei database blockchain con i quali controlleranno definitivamente l’esistenza del cittadino europeo sotto ogni aspetto: economicocomportamentalefiscalegenetico.

Voi capite che la posta in gioco è altissima: è la chance definitiva che il despota ha per mettere per sempre il popolo in schiavitù, stringendolo una volta per tutte in infallibili catene invisibili, fatte di elettroni e calcolatori inarrivabili. È la possibilità definitiva di distruggere ciò che rimane delle sovranità umane (politicafinanziariafamigliarebiologica perfino spirituale) e sottomettere l’essere umano ad un progetto contronaturale, cioè in pratica la possibilità di resettarlo, e riscriverlo come vorrà il padrone del mondo.

Voi capite che per niente al mondo possono permettere che il programma perda aderenza in questo momento.

Lo stiamo vedendo ora: sono disposti alla guerra totale per il Control Grid. Sono disposti a qualsiasi cosa per non perdere la possibilità di dominarci.

Rifiutate la sottomissione a qualsiasi piattaforma. Rifiutate qualsiasi sottomissione.

Rifiutate la schiavitù della Necrocultura, che vuole trasformare le persone in organismi, i cittadini in numeri, gli esseri umani in androidi riprogrammabili a piacere, gli uomini liberi in servi – trasformare la vita umana nella scienza del controllo e della morte.

Siete stati creati per la libertà. E tutto quello che stiamo esperendo ora altro non è se non un attacco al Creatore divino che ve l’ha infusa e alla divina natura umana.

Roberto Dal Bosco

FONTE

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Comments

be the first to comment on this article

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Take Me Top