la-distruzione-dell’ozono-sopra-il-polo-nord-produce-anomalie-meteorologiche-in-tutto-l’emisfero-settentrionale

By ETH ZURICH JULY 7, 2022

Il Politecnico federale di Zurigo, è considerato il più prestigioso istituto universitario politecnico della Svizzera e uno dei più importanti centri di ricerca al mondo. Wikipedia

Molti conoscono il buco nell’ozono sopra l’Antartide, ma ciò che è meno noto è che anche l’ozono protettivo nella stratosfera sopra l’Artico viene periodicamente distrutto, assottigliando lo strato di ozono. L’ultima volta è successo nella primavera del 2020 e prima ancora nella primavera del 2011.

Gli scienziati del clima hanno osservato anomalie meteorologiche in tutto l’emisfero settentrionale ogni volta che lo strato di ozono sopra il polo nord si è assottigliato. Queste stagioni primaverili sono state insolitamente calde e secche in tutta l’Europa centrale e settentrionale, in Russia e soprattutto in Siberia. Tuttavia, in altre aree, come le regioni polari, hanno prevalso condizioni di umidità. Queste anomalie meteorologiche sono state particolarmente pronunciate nel 2020. Anche in Svizzera la primavera è stata anormalmente calda e secca.

Nella ricerca sul clima si discute se esista una relazione causale tra la distruzione dell’ozono stratosferico e le anomalie meteorologiche osservate. Un ruolo è svolto anche dal vortice polare nella stratosfera, che si forma in inverno e decade in primavera. I ricercatori che hanno studiato il fenomeno finora sono giunti a risultati contraddittori e a conclusioni diverse.

Nuove scoperte stanno ora facendo luce sulla situazione, grazie alla dottoranda Marina Friedel e al borsista del Fondo Nazionale Svizzero per l’Ambizione Gabriel Chiodo. Entrambi fanno parte del gruppo di ricerca diretto da Thomas Peter, professore di chimica dell’atmosfera al Politecnico di Zurigo, e stanno collaborando con l’Università di Princeton e altre istituzioni.

Le simulazioni rivelano una correlazione

Per scoprire una possibile relazione causale, gli scienziati hanno eseguito simulazioni che integravano la riduzione dell’ozono in due diversi modelli climatici. La maggior parte dei modelli climatici considera solo i fattori fisici, non le fluttuazioni dei livelli di ozono stratosferico, in parte perché ciò richiederebbe molta più potenza di calcolo.

Tuttavia, i nuovi calcoli chiariscono che la causa delle anomalie meteorologiche osservate nell’emisfero settentrionale nel 2011 e nel 2020 è principalmente la riduzione dell’ozono nell’Artico. Le simulazioni effettuate dagli scienziati con i due modelli coincidevano in gran parte con i dati osservativi di quei due anni e di altri otto eventi simili utilizzati a scopo di confronto. Ma quando gli scienziati hanno “spento” la distruzione dell’ozono nei modelli, non sono riusciti a riprodurre quei risultati.

“Ciò che ci ha sorpreso di più dal punto di vista scientifico è che, anche se i modelli che abbiamo utilizzato per la simulazione erano decisamente diversi, hanno prodotto risultati simili”, afferma il coautore Gabriel Chiodo, borsista SNSF Ambizione presso l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima.

Il meccanismo spiegato

Secondo le nuove conoscenze dei ricercatori, il fenomeno inizia con la riduzione dell’ozono nella stratosfera. Affinché l’ozono venga distrutto, le temperature nell’Artico devono essere molto basse. “La distruzione dell’ozono avviene solo quando fa abbastanza freddo e il vortice polare è forte nella stratosfera, a circa 30-50 chilometri dal suolo”, sottolinea Friedel.

Normalmente, l’ozono assorbe le radiazioni UV emesse dal sole, riscaldando così la stratosfera e aiutando a rompere il vortice polare in primavera. Ma se c’è meno ozono, la stratosfera si raffredda e il vortice diventa più forte. “Un forte vortice polare produce gli effetti osservati sulla superficie terrestre”, spiega Chiodo. L’ozono svolge quindi un ruolo importante nei cambiamenti di temperatura e di circolazione intorno al Polo Nord.

Maggiore precisione possibile per le previsioni a lungo termine

Le nuove scoperte potrebbero aiutare i ricercatori climatici a fare previsioni meteorologiche e climatiche stagionali più accurate in futuro. Ciò consente di prevedere meglio i cambiamenti di calore e di temperatura, “il che è importante per l’agricoltura”, afferma Chiodo.

Friedel aggiunge: “Sarà importante osservare e simulare l’evoluzione futura dello strato di ozono”. Questo perché l’assottigliamento dello strato di ozono continua, anche se le sostanze che lo danneggiano, come i clorofluorocarburi (CFC), sono state vietate dal 1989. I CFC sono molto longevi e permangono nell’atmosfera per 50-100 anni; il loro potenziale di distruzione dell’ozono si protrae per decenni dopo che sono stati tolti dalla circolazione. “Tuttavia, le concentrazioni di CFC sono in costante diminuzione e questo solleva la questione della rapidità con la quale lo strato di ozono si sta riprendendo e di come questo influenzerà il sistema climatico”, spiega l’autrice.

Riferimento: “Springtime arctic ozone depletion forces northern hemisphere climate anomalies” 7 luglio 2022, Nature Geoscience.

DOI: 10.1038/s41561-022-00974-7

TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGEGNERIA

FONTE https://scitechdaily.com/ozone-destruction-over-north-pole-produces-weather-anomalies-across-the-entire-northern-hemisphere/ 

https://ozonewatch.gsfc.nasa.gov/NH.html

Nel 1962, anno della sua morte, fu invitato a tenere una conferenza intitolata “IL CLIMA DELLA TERRA E LA SUA MODIFICA” allo Space Research and Technology Institute dell’Università del Maryland. Aveva lavorato alle correlazioni fra composti del cloro e del bromo e la DISTRUZIONE DEI LIVELLI STRATOSFERICI DIOZONO. Harry Wexler ha suggerito che le regioni artiche potrebbero essere riscaldate più rapidamente utilizzando aerei per spruzzare cloro o bromo nella stratosfera per distruggere lo strato di ozono. 

Il controllo climatico può essere classificato come esercizio ipotetico interessante, ma soltanto fin dove le conseguenze della manomissione degli eventi atmosferici su larga scala possono essere valutate in anticipo. La maggior parte dei progetti che sono stati proposti potrebbero richiedere impegni ingegneristici colossali e comportare il rischio intrinseco di un danno irrimediabile al nostro pianeta” Harry Wexler 

HARRY WEXLER: DISTRUGGERE L’OZONO STRATOSFERICO PER RISCALDARE LA TERRA

*****************

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Leave a Reply