26/06/2022

THAILAND DAILY

NEWSPAPER / MAGAZINE / PUBLISHER

guerrafondai-&-grande-reset-–-la-“ragazza-di-schwab”

GUERRAFONDAI & GRANDE RESET – LA “RAGAZZA DI SCHWAB”

Vertice di Ramstein, la Germania invierà 50 carri per difesa anti-aerea. A Berlino sono i Verdi che stanno spingendo con successo la linea dura per rifornire Kiev con armamenti pesanti, un tempo chiedevano di “smantellare” l’esercito tedesco. La Germania è pronta a consegnare 50 carri armati Gepard. Così Scholz ha ceduto alle pressioni USA-NATO. Al vertice di Ramstein annuncia “addestreremo soldati di Kiev su suolo …” Un passo gravissimo per la Germania. 

Guerrafondai & Grande Reset: veterana dei Verdi esige una risposta da Baerbock

Il fatto che i ritenuti verdi pacifisti, siano improvvisamente i più rumorosi urlatori a favore del riarmo dell’Ucraina è sorprendente per molti – inclusa la loro stessa base. Ora, un co-fondatore dell’ex eco-partito ha fatto un annuncio. Jutta Ditfurth (oggi: ÖkoLinX) mette in discussione la rapida ascesa dell’attuale ministro degli esteri tedesco Annalena Baerbock (Verdi). Apparentemente, crede che il politico “Fressefreiheit” non sia la padrona della propria carriera o delle proprie opinioni.

Baerbock dovrebbe chiarire “chi la consiglia”

Su questo, Ditfurth ha scritto: “Come ha potuto un insignificante membro del Partito Verde con troppa ambizione e vanità diventare in breve tempo un integralista della NATO? 

Vorrei saperlo esattamente un giorno – anche chi l’ha addestrata e consigliata”

La “ragazza di Schwab” come nuovo guerrafondaio

La risposta a questa domanda può essere esaminata rapidamente. La candidata verde a cancelliere dell’anno scorso è un “Young World Leader” del World Economic Forum legata all’architetto del “Grande Reset” Klaus Schwab. I suoi principi si leggono di conseguenza, come Wochenblick ha già spiegato l’anno scorso. E così non si tratta di un vero cambiamento nella politica degli armamenti: Baerbock sostiene da tempo una “politica di difesa comune dell’UE”. Ciò che intendeva per “ruolo di pace europeo” sta diventando chiaro: essere il braccio prolungato della NATO e dei globalisti.

Ma anche in altri aspetti, il manifesto politico di Baerbock si legge come una copia dell’agenda del WEF – e il politico verde è esperto nel copiare. Sotto la sua egida, i Verdi vogliono introdurre un “euro digitale” sotto il controllo della BCE da un lato – ma allo stesso tempo regolamentare rigorosamente le criptovalute decentralizzate. Allo stesso tempo, vogliono creare “canali legali” per i migranti in Europa e concedere la cittadinanza dopo cinque anni a quegli importati dall’immigrazione di massa senza un esame più preciso.

La discepola del WEF ha portato una discepola del WEF nella sede estera

Che la Baerbock abbia usato le reti del WEF non solo come trampolino di lancio per una carriera politica è stato evidente anche in una delle sue prime nomine dello staff. Ha inserito Jennifer Morgan, leader di Greenpeace di lunga data, nel Ministero degli Esteri come “Segretario di Stato per la politica climatica internazionale”. Come Wochenblick ha già rivelato, Morgan è un integralista che vuole far passare i 17 “obiettivi di sostenibilità” delle Nazioni Unite dell’Agenda 2030 globalista senza compromessi.

L’anno precedente, ha fatto una campagna rivolta ai potenti per affrontare le “crisi mediche, ambientali ed economiche intrecciate”. Sostiene anche che i combustibili fossili devono essere “eliminati in modo ordinato e giusto” per creare un “futuro aperto, cooperativo, egualitario e pacifico in armonia con la natura”. Tutte queste sono belle promesse che in realtà nascondono una minacciosa agenda per trasformare il mondo.

La sinistra vecchia contro la guerra e il globalismo?

Parlando di un “futuro pacifico in armonia con la natura”: Ditfurth ha anche questo in mente – ma in un modo molto meno sanguinario. È arrabbiata con i “bellicisti”, cioè i guerrafondai, che hanno trascinato “parti della classe media” e avverte delle conseguenze. In questo modo, per lo meno la donna politica di estrema sinistra è coerente nella sua posizione. Già nel 1999 ha protestato contro la partecipazione della Germania alla guerra della NATO contro la Serbia, considerata contraria al diritto internazionale.

Quando 39 dei 48 deputati verdi hanno votato a favore di tale mandato, Ditfurth parlava di “attraversare in modo definitivo la frontiera verso una completa integrazione nel sistema”. I Verdi avevano così finalmente detto addio alle loro rivendicazioni originarie del programma. Ditfurth ha attaccato all’epoca: I Verdi avevano “contribuito a militarizzare i diritti umani, a imporli come mezzo e giustificazione di guerra”. Anche questa volta, avverte dei pericoli del guerrafondaio – ed è quindi in minoranza nella sinistra sempre più globalista.

FONTE https://www.wochenblick.at/great-reset/kriegstreiberei-great-reset-gruenen-urgestein-fordert-von-baerbock-rede-und-antwort/

GOVERNI AL SERVIZIO DEL WEF

COME LA NATO HA CONDOTTO UNA GUERRA SEGRETA CONTRO I CITTADINI EUROPEI E I LORO GOVERNI

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Comments

be the first to comment on this article

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Take Me Top