gli-incendi-boschivi-come-arma-militare

nogeoingegneria com climate change geopolitica 1384314990 uc 123b during operation pink rose 1967

Un UC123B che irrora a bassa quota durante un’operazione Pink Rose nel gennaio 1967. Gli agenti defoglianti venivano spruzzati due volte e poi ricoperti con un agente essiccante. I B-52 sganciavano bombe a grappolo per incendiare le sostanze chimiche.

BY NOGEOINGEGNERIA – CANALE TELEGRAM https://www.nogeoingegneria.com/

Scrive Dane Wigington

GeoengineeringWatch.org

Il complesso militare industriale è così folle da incenerire le ultime foreste rimaste sulla Terra per raggiungere gli obiettivi dei controllori globali? La risposta breve è sì. Un documento militare statunitense, precedentemente classificato, intitolato “Forest Fire As A Military Weapon” (L’incendio delle foreste come arma militare) è un’esposizione davvero scioccante della distruzione pianificata della Terra bruciata. Il Servizio Forestale degli Stati Uniti ha effettivamente partecipato alla ricerca e alla pianificazione di questo manuale di istruzioni militari per la realizzazione di catastrofi orchestrate di incendi boschivi. Che ruolo hanno avuto le attività svolte a livello climatico per preparare le foreste ad ad essere sottoposte a incendi estremi senza precedenti in tutto il mondo? Il breve video che segue rivela lo sconvolgente livello di ricerca che l’esercito e il Servizio Forestale degli Stati Uniti hanno svolto per preparare le foreste ad un’ incenerimento estremo.

Guerra del Vietnam: gli incendi boschivi come arma militare

Un rapporto di studio del giugno 1970 commissionato dal Dipartimento della Difesa.

Nel 1965 lo Stato Maggiore ha chiesto al Segretario della Difesa di avviare una ricerca per determinare la fattibilità di misurare le caratteristiche di infiammabilità delle foreste e della giungla, di modificare l’infiammabilità in modo che la vegetazione sia in grado di sostenere facilmente la combustione e di sviluppare misure per distruggere con il fuoco vaste aree di foresta o giungla.

Forest Fire as a Military Weapon – DTIC

nogeoingegneria com climate change geopolitica uls3d7w9sb

Categorie di tematiche: Forme di guerra non convenzionali

Abstract:

In questo rapporto, l’attenzione principale della ricerca è stata rivolta alle caratteristiche di infiammabilità della giungla nei climi tropicali e monsonici, dove gli incendi forestali si verificano raramente in modo naturale. È stata prestata particolare attenzione allo sviluppo di linee guida operative che utilizzino i dati di input prontamente disponibili per i comandanti militari in condizioni di campo. Le seguenti conclusioni sono direttamente pertinenti alla richiesta del JCS 1 l’infiammabilità delle foreste dipende dalla quantità di vegetazione morta sulla superficie del suolo o in prossimità di essa, dal contenuto di umidità di questo materiale a livello del suolo e dalle condizioni meteorologiche al momento dell’incendio 2 l’infiammabilità delle foreste può essere notevolmente aumentata eliminando tutta la vegetazione arbustiva, selezionando le condizioni meteorologiche ottimali per l’incendio e accendendo i fuochi secondo uno schema preselezionato 3 la rimozione delle chiome degli alberi richiede l’avvio di incendi di chioma ad alta intensità. In molti climi, è improbabile che gli incendi di chioma possano essere realizzati con qualsiasi tecnica di modifica ambientale. Tuttavia, gli incendi forestali di minore intensità possono provocare danni militari significativi.

Documento completo (179 pagine) https://apps.dtic.mil/sti/pdfs/AD0509724.pdf

Le armi incendiarie sono tra le armi più crudeli utilizzate nei conflitti armati contemporanei. Queste armi, che producono calore e fuoco attraverso la reazione chimica di una sostanza infiammabile, provocano ustioni atroci e distruggono case e altre strutture civili. Sono regolate dal Protocollo III della Convenzione sulle armi convenzionali (CCW), ma questo strumento presenta delle lacune che ne riducono il potere giuridico e normativo.[1] Gli Stati firmatari della CCW si sono sempre più espressi a favore di una revisione e di un rafforzamento del Protocollo III e hanno riservato un momento della loro riunione annuale degli Stati firmatari nel novembre 2018 per affrontare l’argomento.

Il documento https://www.hrw.org/sites/default/files/supporting_resources/201811arms_myths_realities_incendiaryweapons.pdf

VEDI ANCHE: Firestorm: Forest Fires as a Weapon in Vietnam http://armchairgeneral.com/firestorm-forest-fires-as-a-weapon-in-vietnam.htm

INCENDI BOSCHIVI: TECNOLOGIA LASER PER FERMARLI O SPEGNERLI CON IL SUONO?

FILM IMPORTANTE: THE DIMMING, il documentario sull’ingegneria climatica: e in uno sforzo comune, dovrebbe essere tradotto.

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

4 caviale royal 2 300x300 1

IL PRIMO ECOMMERCE SPECIALIZZATO IN DELIZIE AL TARTUFO E CAVIALE – CAVIAREAT.COM

Leave a Reply